Torna al sito

Clicca qui per tornare al portale itisavogadro.it

mercoledì 2 novembre 2016

I pericoli di internet: TUTTO QUELLO CHE I RAGAZZI DOVREBBERO SAPERE


Perché partecipare a un workshop riguardo Internet, i rischi  per i minori e l’uso consapevole delle nuove tecnologie?

L’accesso a Internet è sempre più precoce, anche in Italia che notoriamente è uno dei paesi agli ultimi posti in Europa per l’accessibilità e la diffusione della rete a banda larga.
Come contraltare, l’incremento notevole degli smartphone anche tra i postadolescenti (in questo caso l’Italia è ai primi posti nel mondo…) ha fatto aumentare esponenzialmente i casi e i reati attinenti la diffusione incontrollabile di immagini intime sul web (sexting), gli atti di prevaricazione, violenza ed emarginazione (cyberbullismo) e l’adescamento online riguardo alla pedofilia (grooming). Tuttavia i problemi principali per i giovani d’oggi si stanno concentrando in due campi: le webdipendenze e la violazione della privacy. Il secondo problema esploderà progressivamente nei prossimi anni, ma basti pensare che già oggi molti giovani si precludono la possibilità di un’assunzione: chi fa selezione del personale in maniera professionale, effettua anche una dettagliata “indagine social”  che può portare all’esclusione del candidato.
Riguardo alle dipendenze invece, quelle legate al web sono già un’emergenza attuale. Possono essere di vario tipo: si va dalla nomofobia che è relativa alla dipendenza da device (smartphone o tablet che sia), fino ad arrivare alla pornodipendenza che si nutre della facilità con cui, già i preadolescenti, accedono a contenuti hard senza nessuna mediazione critica. In una situazione in cui la pornografia costituisca l’unica forma di educazione sessuale, il rischio più grave per i giovanissimi è che sin dai loro primi approcci sessuali confondano il sesso con la pornografia pregiudicando tutta la loro futura attività sessuale e sentimentale. Nei casi peggiori (ma in crescita esponenziale) gli andrologi riferiscono che i giovanissimi pazienti possano andare incontro a vere e proprie disfunzioni sessuali.
Tra le altre dipendenze che dominano il contesto sociale attuale ci sono anche la dipendenza da relazioni virtuali (che veicolano attraverso chat e applicazioni come Facebook e WhatsApp), la dipendenza da videogiochi e quella da gioco d’azzardo (in quest’ultimo caso siamo il paese con la più alta spesa in Europa per quello “legale”).
Il Nucleo di Prossimità della Polizia Municipale di Torino illustrerà gli aspetti più
importanti di questi temi attuali cercando di fornire anche alcuni strumenti pratici agli studenti.
I temi trattati nell’incontro di due ore saranno:
ü La Diffusione di foto e video tramite cellulari e su Internet (con una breve appendice sul Sexting)
ü  La Popolarità e il Protagonismo mediatico: una questione di genere
ü  La Pedofilia online e il Grooming: modalità, tipologie e aspetti psicologici
ü  I Social Network: Reputazione Online, Privacy e Sicurezza – Profilazione e Data Mining
ü  Cyberbullismo e bullismo - Le Conseguenze e i Ruoli - La Distorsione digitale
ü  Texting: il nuovo dilagante rischio sulle strade
ü La Pornografia sul web: implicazioni sulla futura vita sentimentale e sessuale dei postadolescenti
Internet e smartphone sono strumenti che non solo informano o fanno intrattenimento ma veicolano ormai valori e modelli di comportamento dominanti.  Sono cambiate profondamente le modalità di comunicazione, di socializzazione, di apprendimento e di informazione: è necessaria una  consapevolezza dei rischi e delle opportunità che caratterizzano l’uso delle nuove tecnologie.

Polizia Municipale di Torino -  Nucleo di Prossimità  -  Via  Bologna  74
tel. 011-011.34.300 - fax. 011-011.34.319 - mail: nucleodiprossimita@comune.torino.it